libri per ricordare con i più piccoli
In evidenza,  Libri

Libri per ricordare con i più piccoli

I libri per ricordare con i più piccoli la Shoa sono fondamentali per non perdere la memoria e per aiutare i genitori ad affrontare uno degli argomenti più difficili. Trovare le parole giuste con cui spiegare perchè l’uomo arriva a sterminare solo per fede, orientamento sessuale non è semplice. Fortunatamente la letteratura per l’infanzia ci aiuta in questo ed ecco, quindi, i titoli per non dimenticare sopratutto oggi, Giornata della Memoria.

Pane e ciliegie di Anna Sarfatti

Tra i libri per ricordare con i più piccoli sicuramente c’è Pane e ciliegie. Israel Kalk, l’uomo che difendeva i bambini ebrei sotto il Fascismo di Anna Sarfatti edito da Mondadori racconta la storia vera e mai raccontata di Israel Kalk, un uomo coraggioso che a partire da un semplice atto di generosità ha contribuito a salvare la vita di molti bambini e delle loro famiglie. Una vicenda italiana del periodo della Shoah, accompagnata dai delicati disegni di Serena Riglietti.

Nel 1939 a Milano durante un momento tra padre e figlio Israel e il piccolo Motele incontrano Brigitte e Werner, due bambini magri e coperti da vestiti ormai piccoli per loro: sono profughi ebrei, costretti a sopravvivere come possono nell’Italia della dittatura fascista. Israel li invita a fare merenda: la prima di tante altre, con sempre più partecipanti. Nasce così la Mensa dei Bambini: tra i suoi tavoli si intrecciano le vite di tanti ragazzi, come Miriam, che incanta i più piccoli con le sue storie avventurose; Arturo, un virtuoso del violino, e Brigitte che si diverte a ritrarre i suoi amici. Come in una nuova, grande famiglia, che Israel continuerà ad aiutare anche quando i profughi saranno dispersi nei diversi campi di internamento italiani.

Tana libera tutti di Walter Veltroni

Tana libera tutti: Sami Modiano, il bambino che tornò da Auschwitz di Walter Veltroni edito da Feltrinelli nella collana Up racconta la storia vera di Sami Modiano. Nato a Rodi si trova a dover abbandonare la scuola a soli otto anni, senza motivazioni diventando così solamente un ebreo.

Con il padre e la sorella vive con difficoltà le restrizioni delle leggi razziali, arrivate sull’isola senza avvisaglie, fino al rastrellamento dell’intera comunità ebraica avvenuto con l’inganno il 23 luglio del 1944. Sami e la sua famiglia vengono caricati su una nave mercantile e da Atene su un treno. Un mese di viaggio in condizioni disumane verso il campo di sterminio nazista di Auschwitz-Birkenau. In pochissimo tempo perde ciò che ha di più caro al mondo.

Per due volte viene selezionato dai medici del campo e si salva miracolosamente, come pure sopravvive alla marcia finale e alla fuga dei nazisti dal campo con i prigionieri perché creduto morto. Nella casa in cui trova rifugio e viene raccolto dai sovietici il 27 gennaio 1945 conosce Primo Levi e Piero Terracina. Di tutta la comunità ebraica di Rodi, è stato tra le sole venticinque persone riuscite a salvarsi alla Shoa.

Età consigliata: dai 9 anni

Il baule dei segreti di Andra e Tatiana Bucci

Il baule dei segreti. La storia delle bambine sopravvissute ad Auschwitz di Andra e Tatiana Bucci edito da Mondadori racconta la storia di Andra e Tati. Un giorno del 1950 liberano i ganci dallo strato di polvere e sollevano il pesante coperchio di un baule, per un attimo è come tornare indietro nel tempo, perché in quel baule è racchiusa tutta la loro vita fino a oggi. Una scatola di caramelle, poche fotografie, un cucchiaio di latta, un cappottino in morbida lana, un fiore essiccato…

Attraverso gli oggetti riemerge la storia di un’intera famiglia ebrea: la pace trovata a Fiume all’inizio del Novecento dopo un lungo peregrinare per l’Europa, l’entrata in vigore nel 1938 delle leggi razziali, l’arresto e la deportazione ad Auschwitz. Poi la Liberazione e, per loro bambine, i giorni tristi dell’orfanotrofio. Infine la rinascita e l’insperato ricongiungimento con i genitori.

La storia vera delle sorelle Bucci, accompagnata dall’intensità dei disegni di Elisabetta Stoinich; una storia che tra dramma e speranza ci invita a non dimenticare.

Età consigliata: dai 10 anni

Sono tantissimi i titoli che potete trovare in libreria che ripercorrono con tatto e precisione storica i giorni bui della Shoa. Sono libri per ricordare con i più piccoli come ad esempio consigliamo anche La stella che non brilla di Guia Risari (Gribaudo), Fino a quando la mia stella brillerà di Liliana Segre (Piemme) o ancora In Svizzera la cioccolata è più buona – Una storia di amicizia nell’Italia della Shoah di Marta Palazzesi (Einaudi). L’importante è ricordare quei giorni bui, anche attraverso la lettura. Solo così la storia non si ripeterà.

Nata e cresciuta a Milano. Per lavoro social Media Manager e copywriter. Per sopravvivenza vivo tra caffè, libri e apertivi senza dimenticare i carboidrati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *