in cucina con paris
In evidenza,  Serie Tv,  Spettacolo

In cucina con Paris, tra glitter e cannoli-unicorno

Non avrei mai pensato di potermi trovare, nemmeno attraverso uno schermo, in cucina con Paris. Dove Paris sta per Paris Hilton, celebre pronipote del fondatore della catena alberghiera. E invece eccomi qui, con indosso un paio di tacchi a spillo Dolce&Gabbana in vernice rosa Schiaparelli, a scrivere del cooking show Netflix più luccicante che vedrete mai. Perché non si può scrivere di Paris senza indossare qualcosa di rosa.

in cucina con paris
PARIS HILTON in COOKING WITH PARIS Cr. KIT KARZEN/NETFLIX © 2021

Sei puntate da circa 24 minuti l’una, sei temi attorno a cui creare il menu di una cena mentre uno stormo di decoratori trasforma di volta in volta la sala da pranzo. Perché cos’è una cena senza la giusta ambientazione? Ogni menu vede la valida partecipazione di una celebrità (più o meno) amica, da Kim Kardashian West a Demi Lovato, e forse non diventeremo chef stellati seguendo le loro indicazioni, ma di sicuro ci si diverte. Tanto.

La forza di Paris Hilton è sempre stata quella di presentarsi al mondo così com’era, amante del rosa e dei glitter. Dei tacchi a strapiombo e delle paillettes. Dei cani in miniatura (con cucce gigantesche) e, in generale, di un eccesso capace di far sembrare il barocco minimalista. Se all’inizio poteva sembrare una posa, ormai possiamo esserne certi: Paris è davvero così. Reality dopo reality, l’abbiamo vista improvvisarsi campagnola, cercare bestfriends perfetti e lanciare profumi prima che lo facessero… tutti gli altri, direi. La sua prima fragranza ha avuto un posto di riguardo anche sulla mia mensola del bagno, quella che sembra una vita fa.

netflix
PARIS HILTON in COOKING WITH PARIS Cr. KIT KARZEN/NETFLIX © 2021

Stare in cucina con Paris significa sfogliare con lei un ricettario rosa tempestato di pietre preziose e dalle pagine scritte con penne multicolore. Significa cucinare indossando haute couture, e riuscire (quasi sempre) a non macchiarsi. E significa farlo con il sorriso e tantissima autoironia, perché Paris non nasconde mai la sua impreparazione. Scopre grazie ai suoi ospiti cosa siano una pinza o una frusta, per esempio, o cosa significhi “broil” e perché sia diverso da “boil”.

Ho provato a replicare una delle ricette? Non ancora. Ma conto di farlo perché sono pronta a farmi stupire e scoprire che la fluffy frittata preparata insieme a Kim Kardashian West sia davvero «come quella del ristorante». Devo solo procurarmi l’outfit adatto.

In cucina con Paris è disponibile su Netflix dal 4 agosto.

Milanese di nascita e nel cuore. Vivo di digital marketing di giorno, e di letture matte (ma mai disperatissime) di notte. Bevo litri di tè nero, e colleziono tacchi alti, con cui riesco a non perdere mai un treno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *