dalla stessa parte mi troverai
In evidenza,  Libri

DALLA STESSA PARTE MI TROVERAI inaugura Italian Tabloid

Il 2024 ha visto la nascita di un progetto che mi ha incuriosita subito: Italian Tabloid. Una nuova collana SEM interamente dedicata al true crime, concepita fin dalla sua ideazione come “progetto crossmediale“. Italian Tabloid pubblicherà circa dieci romanzi all’anno, “per esplorare le storie d’Italia attraverso la lente del crimine”.

Un’iniziativa nel segno della contaminazione dei linguaggi e dei mezzi, che vede come partner strategici Cattleya e Deepinto, e che affiancherà ai prodotti editoriali un podcast. Le prime due uscite sono Dalla stessa parte mi troverai di Valentina Mira (12 gennaio) e La regola di Nora di Chiara Ingrosso (27 febbraio).

Valentina Mira si confronta con l’agguato di Acca Larentia del 7 gennaio 1978 e con il presunto suicidio di Mario Scrocca. Nel 1987 fu accusato degli omicidi e arrestato, morendo misteriosamente a poche ore dall’arresto. Il libro racconta una storia di violenza e sopraffazione, di cui la stessa autrice è stata vittima. Una disamina dei miti dell’ultradestra e, al tempo stesso, una riflessione sul corpo della donna, e sui ruoli di vittima e carnefice.

La trama

Questa storia comincia una sera d’inverno, il 7 gennaio 1978. Davanti a una sede del Movimento sociale italiano nel quartiere Appio Latino, a Roma, vengono uccisi a colpi d’arma da fuoco due attivisti di destra. Da quel momento, i morti di Acca Larentia diventano icone intoccabili del neofascismo.

Questa storia ricomincia il 30 aprile 1987, quando viene arrestato Mario Scrocca, un militante di estrema sinistra. Secondo gli inquirenti, Scrocca avrebbe fatto parte del commando che colpì ad Acca Larentia. Lo troveranno cadavere ventiquattro ore più tardi, impiccato in una cella di Regina Coeli. Ma troppe cose non tornano.

Questa storia senza fine ricomincia – una volta ancora – un pomeriggio di giugno del 2021. Due donne si incontrano sotto il cielo di Roma. Rossella ha sessant’anni ed è la vedova di Mario Scrocca. Valentina, di anni, ne ha trenta, è cresciuta dalle parti di Acca Larentia, in passato ha frequentato dei neofascisti e si porta dentro le cicatrici di quelle frequentazioni.

Dalla stessa parte mi troverai è il racconto di un amore vissuto a mille nei giorni in cui tutto era ancora possibile. Di una vita spezzata al tempo del disincanto collettivo, prima di essere consegnata all’oblio. Con rigore, Valentina Mira fa luce sul vittimismo osceno dei carnefici, demolendo retoriche, alibi, miti di quella destra che si è presa l’Italia.

La recensione

Non sapevo molto della strage di Acca Larentia. In parte perché sono nata dieci anni dopo, in parte perché sono nata e cresciuta a Milano. Ma proprio per questo, la storia di Rossella e Mario mi ha particolarmente colpita. Prima di tutto per la scelta, vincente, di raccontarla partendo dal loro essere ragazzi come tanti. Che si incontrano tra motorini e sigarette fumate di nascosto, nella periferia di Roma,. Che si innamorano, si sposano, hanno un bambino.

Fino a quando la Storia non decide di bussare alla porta, e di condannare Mario Scrocca a un’assurda morte in cella, arrestato per un crimine che non ha commesso. La scena del suo arresto, e dei giorni che seguono, è incredibilmente struggente: non è stata facile da leggere. Non oso nemmeno immaginare cosa abbia significato per Rossella viverli, quei momenti. Cos’abbia voluto dire non avere risposte, o averne ma prive di logica. Sentirsi abbandonata dalla giustizia, o poter temere anche per sé e per suo figlio.

Credo che uno dei punti di forza del libro sia nella sua struttura, che ci permette di seguire la storia di Rossella e allo stesso tempo conoscere quella di Valentina, senza che una soffochi l’altra. Senza che una sia “in secondo piano”. Alla vicenda umana si intreccia e s affianca quella giudiziaria, altrettanto coinvolgente. Non nego che, a lettura ultimata, sono andata a documentarmi sulla vicenda di Acca Larentia, indignandomi moltissimo e sentendo ancora più in profondità ogni emozione scatenata dalla lettura del lavoro di Valentina Mira.

Una lettura che mi sento di consigliare a tutti, così come l’ascolto delle prime puntate del podcast Italian Tabloid, già disponibili. Attendo con ansia la seconda uscita del progetto a fine mese!

dalla stessa parte mi troverai

Dalla stessa parte mi troverai di Valentina Mira (SEM) è in libreria.

Milanese di nascita e nel cuore. Vivo di digital marketing di giorno, e di letture matte (ma mai disperatissime) di notte. Bevo litri di tè nero, e colleziono tacchi alti, con cui riesco a non perdere mai un treno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *